La Nostra Storia

La nascita di The Most Maiorum
dalle memorie di Manuel Marzitelli, in terza persona 

L’Associazione The Most Maiorum come la conosciamo oggi è nata a Pavia nell’ottobre del 2018, quando Davide Ramaioli, Luca Alpigiani e Gianluca Covini, allora studenti del Liceo scientifico cittadino, da grandi appassionati di storia dell’arte, furono invitati a divenire le guide turistiche del Duomo di Pavia, sinora chiuso al pubblico per via della ristrutturazione seguita al crollo della Torre Civica.

Onorati per la considerazione, pensarono che delle semplici visite guidate avrebbero potuto convertirsi in un progetto molto più ambizioso.

Il primo evento – 31/10/2018

Davide, Luca e Gianluca proposero dunque al parroco e ai canonici della Cattedrale di organizzare una manifestazione notturna, volta a celebrare in grande stile il patrimonio artistico del Duomo. L’idea, accolta con entusiasmo, portò alla realizzazione del primo evento The Most Maiorum: La Cattedrale si accende per i Santi.

La Cattedrale si accende per i Santi si svolse il 31 ottobre 2018 alle 21.00. Veniva così inaugurata la fortunata formula di evento itinerante, che prevede una partecipazione fisica del pubblico, chiamato in prima persona a compiere un percorso. I tre presentatori, nonché ideatori dell’evento, accompagnarono la cittadinanza dalla navata centrale lungo tutto il Duomo, con la suggestione delle musiche del violinista Matteo Carlucci. Delle aree fondamentali segnavano il tragitto, e di ognuna di esse rivelavano la storia e l’arte. In più momenti i testi del poeta contemporaneo Matteo Munaretto impreziosirono la serata e fecero vibrare i cuori. Al termine di tutto, la folla, riunitasi al centro della croce latina che forma la pianta della chiesa, assistette con stupore all’accensione della cupola. Il Duomo, per la prima volta dopo la sua chiusura, conobbe, si può dire, una piena valorizzazione.

Un evento per Natale – 23/12/2018

Contemporaneamente si pensava a un evento che si sarebbe svolto nel periodo natalizio: già dall’agosto 2018 Manuel Marzitelli, dedicatosi alla stesura di una sceneggiatura, ragionava con Davide Ramaioli alla sua messa in scena. Il testo, dal titolo Quel 23 dicembre, accendeva i riflettori sulla conversione del pittore rinascimentale Mario Lorenzetti. Da cosa nasce cosa, e una semplice rappresentazione assunse i connotati di un evento vero e proprio: La Vigilia della Vigilia, titolo che coincise con la data della manifestazione, il 23 dicembre 2018. Quel giorno, alle ore 21.00, presso il Teatro Mastroianni di San Martino Siccomario – sold out –, i due presentatori Davide Ramaioli e Luca Saade diedero il via allo spettacolo, concepito per una causa benefica.  Musica, danza e teatro incantarono il pubblico, visibilmente coinvolto in ogni momento della serata. Si ricorda, tra le più emozionanti esibizioni, quella del maestro Matteo Carlucci, il cui violino, in una scenografia da sogno, ha vibrato per “Astro del ciel” e “Adeste fideles”. Sul finale, fu consegnato il ricavato al Presidente della Fondazione Barbara Fanny Facchera, sotto forma di un gigantesco assegno. Solo più tardi, il Vescovo di Pavia Sua Eccellenza Mons. Sanguineti e il Sindaco di San Martino Siccomario Alessandro Zocca rivolsero al pubblico, e soprattutto ai giovani, i loro migliori auguri per le festività natalizie. Seguì un momento di convivialità offerto dagli sponsor, tutti poterono brindare al Natale con pandoro, panettone e spumante.

SCHOOL LIFE Music Festival, Tara’s Party e Stop Indifference Make The Difference

La primavera del 2019 vide impegnato The Most Maiorum nell’organizzazione della quinta edizione del tradizionale SCHOOL LIFE Music Festival, concorso canoro ideato da Matteo Zambuto, presidente dell’Associazione cantautori cattolici “Il mio Dio canta giovane”. Si tenne domenica 5 maggio alle ore 21, presso il Teatro dei Salesiani di Pavia. Giovanissimi cantanti, precedentemente selezionati da una giuria di qualità, erano chiamati a interpretare le più amate canzoni della musica italiana. Di fronte a loro un teatro gremito e una commissione di professori ed esperti che individueranno in Ginevra Thierry la vincitrice assoluta di questa edizione.

Una notte all’anno il chiostro del Liceo Taramelli diventa la cornice di un evento esclusivo: la festa di fine anno scolastico. Prima di affrontare la maturità, The Most Maiorum accettò con piacere l’invito a presentare la serata. Fu così che l’8 giugno 2019 la festa d’istituto Tara’s Party divenne una delle più amate degli ultimi decenni. In un clima di entusiasmo e affetto, si susseguirono premiazioni, giochi, l’elezione del re e della reginetta dell’anno, e un DJ set che fece vibrare i giovani cuori fino a notte fonda, nell’antico e austero cortile del Taramelli.

Qualche giorno più tardi The Most Maiorum mise in campo le proprie risorse per sostenere la Comunità di Sant’Egidio di Pavia nel progetto Stop Indifference Make The Difference, il concerto cittadino dell’estate. Un’occasione per raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni del Mozambico colpite da un tremendo tornado. La manifestazione si tenne il 14 giugno 2019 ai Giardini Malaspina di Pavia, e fu una celebrazione di musica e talento: dal primo pomeriggio fino a tarda notte numerose band, cantanti e cantautori incantarono una meravigliosa folla di giovani. Verso sera, prima delle esibizioni finali, furono rese le testimonianze di alcuni giovani del Mozambico direttamente o indirettamente colpiti dalla tragedia.

Tutti i Santi in Cattedrale – 02/11/2019

Memori dell’entusiasmo che l’anno precedente investì l’iniziativa La Cattedrale si accende per i Santi, dopo le vacanze estive gli organizzatori The Most Maiorum incontrarono i canonici del Duomo, per pensare una seconda edizione di quell’evento che, celebrando la Cattedrale, tanto piacque ai pavesi. Fu così che, con il pieno sostegno dei chierici, nacque Tutti i Santi in Cattedrale. Oggetto di un’elaborazione ancora più meticolosa rispetto a qualunque evento organizzato fino ad allora, vide il coinvolgimento di un numero impressionante di tecnici e artisti. Lo si volle strutturare come un percorso verso la santità, ispirato dall’amore; e si poté dire, sin da subito, che fu una scelta vincente.

Il 2 novembre 2019 alle ore 21:00, presso il Duomo di Pavia, i presentatori Davide Ramaioli, Giorgia Cervio e Luca Alpigiani diedero inizio alla grande serata. Dapprima accolsero gli astanti nella navata centrale, seguirono poi due letture a cura di Manuel Marzitelli e Caterina Maccarini e l’esecuzione del brano “Dolce Sentire” a cura del cantante lirico Carlo Confalonieri. Accompagnato fino all’Altare del Suffragio dal violino di Matteo Carlucci, che vibrò sulle note di “Ameno”, il pubblico assistette al disvelarsi della tela che il noto pittore pavese Gigi Viciani donò alla Cattedrale in occasione dell’evento. Avvenne poi l’esibizione di Matteo Zambuto, che cantò una canzone da lui composta, “Dammi il Sole”, preceduto dalla lettura di un testo che definiva i sacerdoti come “custodi del sole”. Di fronte all’Altare di San Siro il poeta Matteo Munaretto ha recitato due suoi componimenti poetici inediti e dolcissimi, quindi Ginevra Thierry ha reinterpretato in chiave cristiana un brano moderno. Di fronte all’Altare Maggiore si è esibita Chiara Cirillo, una danzatrice che con la sua umile leggiadria meglio di tutti rappresentò l’ascesa verso la santità. La serata si è chiusa con il brano “Chi Ci Separerà”, intonato da Desirée Criscione e Carlo Confalonieri. Al termine di tutto, è stato dunque ringraziato calorosamente Mons. Vescovo Corrado Sanguineti, al quale è stata la data la parola. Visibilmente coinvolto, ha toccato i cuori dei presenti concentrandosi sul valore della festività di Ognissanti e la commemorazione dei defunti. Al termine, è stato donato un testo-ricordo contenente la poesia di Munaretto “Sarà  più grande la casa”. Il “Gloria” di Vivaldi ha definitivamente chiuso l’evento.

Da allora, il gruppo di The Most Maiorum ha conosciuto un’espansione notevole, e chissà che non sia destino crescere ancora…

Generalmente, il narratore di un testo può essere interno o esterno: io, si può dire, non sono stato né l’uno né l’altro. Per i primi tempi, sono stato un personaggio border line; tuttavia, affascinato dagli eventi e dai principi di The Most Maiorum, da tempo sono diventato fieramente membro attivo, e ringrazio tutti coloro che mi hanno concesso questa opportunità, senza cercare di tenermi ulteriormente sulla frontiera che divide l’ordinario dallo straordinario.

Manuel Marzitelli, primavera 2020

© 2020 The Most Maiorum. Tutti i diritti riservati.